mercoledì 22 ottobre 2008

IL Governo Privatizza L'Acqua Pubblica


ACQUA IN BOCCA - VI ABBIAMO VENDUTO L’ACQUA

DI ROSARIA RUFFINI
liberacittadinanza

Il governo Berlusconi senza dire niente a nessuno ha dato il via alla privatizzazione dell'acqua pubblica.

Mentre nel paese imperversano annose discussioni sul grembiulino a scuola, sul guinzaglio per il cane e sul flagello dei graffiti, il governo Berlusconi senza dire niente a nessuno ha dato il via alla privatizzazione dell'acqua pubblica. Il Parlamento ha votato l'articolo 23bis del decreto legge 112 del ministro Tremonti che afferma che la gestione dei servizi idrici deve essere sottomessa alle regole dell'economia capitalistica.

Così il governo Berlusconi ha sancito che in Italia l'acqua non sarà più un bene pubblico, ma una merce e, dunque, sarà gestita da multinazionali internazionali (le stesse che già possiedono le acque minerali). Già a Latina la Veolia (multinazionale che gestisce l'acqua locale) ha deciso di aumentare le bollette del 300% Ai consumatori che protestano, Veolia manda le sue squadre di vigilantes armatati e carabinieri per staccare i contatori.

La privatizzazione dell'acqua che sta avvenendo a livello mondiale provocherà, nei prossimi anni, milioni di morti per sete nei paesi più poveri. L'acqua è sacra in ogni paese, cultura e fede del mondo: l'uomo è fatto per il 65% di acqua, ed è questo che il governo italiano sta mettendo in vendita.
L´acqua che sgorga dalla terra non è una merce, è un diritto fondamentale umano e nessuno può appropriarsene per trarne illecito profitto.
L´acqua è l'oro bianco per cui si combatteranno le prossime guerre.
Guerre che saranno dirette dalle multinazionali alle quali oggi il governo, preoccupato per i grembiulini, sta vendendo il 65% del nostro corpo.
Acqua in bocca.

Rosaria Ruffini (Docente di teatro allo IUAV di Venezia)
Fonte: http://www.liberacittadinanza.it
16.10.08

3 commenti:

  1. acqua,scuola....tra poco toccherà anche alla sanità e allora saremo solo merce. Non si deve permettere alle aziende la gestione dei beni di sopravvivenza, semplicemente perchè lo scopo delle imprese,per loro natura, è creare utili e non di occuparsi della qualità della vita delle persone.

    RispondiElimina
  2. E sapete lo PsicoNano cosa vi risponde? Che lui ha avuto l'incarico dagli italiani, che lo hanno votato, supportato... e così non solo ci tappa la bocca (al limite manda i carabinieri come con le scuole) ma ci farà tanto tanto male! Mi verrebbe da dire: l'abbiamo voluto (ma io no davvero! sono uno tra quelli che mangia i bambini) e ora ce lo dobbiamo tenere! Con tutte le porcate che ha fatto, sta facendo e farà!

    RispondiElimina
  3. è proprio questo il problema..
    chi lo ha voluto continua a difenderlo ma molto presto si accorgeranno a spese di tutti che arriveremo ad un punto, dove anche con la prossima recessione e crisi globale, saremo messi con le pezze al culo per chi non c'è le ha già...

    ma intanto lui vive in un altro mondo dice cose e poi accusa i suoi stessi giornali di non dire il vero...uno psiconano molto psicolabile è pericoloso!

    intanto la sinistra del veltrusconi dorme..il lungo letargo ma mi chiedo a quando il risveglio? stiamo connessi e pronti a ogni evenienza perchè ho paura che il prossimo passo sarà a sanità

    RispondiElimina