venerdì 17 ottobre 2008

Crisi Finanziaria : Discorso Di Gordon Brown (NWO on)


La voce del gongoro


Io davvero non so se riuscirete a leggere tutta questa trascrizione (segnalata da Descartes) dell'illuminato discorso tenuto ieri, addì 13 ottobre 2008, dal primo ministro inglese Gordon Brown, ma so altresì che, traducendolo, ho perso il conto di quante volte viene menzionata la parola “globale” in tutte le sue declinazioni.

Infatti, seppur allungato in un brodo primordiale di retorica sciapa condito senza parsimonia con purissima disinformazione economica, il sapore aspro dell'ecofascismo in salsa globalista persiste per ore nel palato con il suo retrogusto da catacomba ammuffita.


Signore e signori: Chaos Ab Ordo.
___________________________

Discorso sull'economia globale del primo ministro inglese Gordon Brown al Reuters Building.


Sono riconoscente a Niall [Fitzgerald] ed alla Reuters per avermi invitato a parlarvi questa mattina.

In questo difficile momento per l'economia globale, ho voluto venire qui oggi – nel cuore del nostro terziario finanziario – a discutere con voi:

· i passi che stiamo prendendo in Gran Bretagna
· e cosa credo la comunità internazionale debba ora fare insieme

Per assicurare il futuro del nostro sistema finanziario.

La Gran Bretagna ha due grandi tradizioni finanziarie: dalle coffee houses di Londra all'istituzione del Royal exchange, siamo stati pionieri di un moderno sistema bancario costruito sulla fiducia. È stato sempre detto della city: la mia parola è il mio obbligo. E quella è la fiducia che deve sostenere tutto ciò che faremo in futuro.

La nostra seconda tradizione è la nostra apertura al mondo.

Siamo internazionalisti, con una portata più globale come paese di qualsiasi altro. Mentre alcuni userebbero la crisi finanziaria mondiale per suggerire politiche protezioniste, sappiamo che l'unica via è di mantenere la nostra tradizione di apertura: un'economia di commercio aperta dove ora ci sono coordinazione e controllo globali adeguati.

Così vogliamo forti banche che abbiano successo in un'economia globale aperta

· con un'azione nazionale per ristabilire fiducia e fiducia nel sistema bancario fondato sui nostri valori centrali di ricompensa giusta per il duro lavoro, gli sforzi e l'impresa. Non ingiusti incentivi per l'irresponsabilità o per un comportamento eccessivamente imprudente per il quale il resto di noi deve pagare.

· ed un'azione internazionale per sviluppare una soluzione globale ai problemi globali – lavorando con i nostri soci internazionali per rimodellare il sistema finanziario globale per renderlo adeguato allo scopo per il futuro. In modo che i problemi di oggi non abbiano a ripetersi mai.

La Gran Bretagna ha molte forti banche nazionali ed internazionali – e sono essenziali per ogni famiglia ed ogni azienda nel paese.

Non c'è bisogno qui che ripeta a qualcuno della centralità del sistema bancario per tutto ciò che facciamo come nazione. Sapete meglio di chiunque altro che le banche non sono solo entità economiche – sono intessute nella trama di tutte le nostre vite: vitali per i risparmiatori, le imprese che detengono mutui e le semplici famiglie di ogni luogo.

Questa non è un'astrazione – questo sarà nelle conversazioni che la gente avrà stasera sui loro sofà una volta che avrà messo i bambini a dormire.

Perché quando i problemi in America possono spingere la gente in Gran Bretagna a domandarsi se possono ottenere un mutuo – allora sappiamo che siamo in tempi straordinari. E quando in questi tempi i mercati normali hanno cessato di funzionare, non possiamo semplicemente lasciare la gente indifesa e sola.

Dico che: affidare tutto al caso sarebbe un'abrogazione di responsabilità – precisamente nel momento in cui la gente sta guardando ai propri governi in cerca di una guida.

E come ho detto alcuni giorni fa: non eviteremo le nostre responsabilità e siamo preparati per andare oltre il pensiero convenzionale prendendo i decisivi provvedimenti necessari per sostenere le famiglie britanniche e le aziende attraverso i momenti difficili.

Così oggi Alistair Darling sta realizzando il piano di ristrutturazione annunciato mercoledì scorso – un'azione che stiamo intraprendendo per occuparci dell'effetto e delle cause originarie dell'attuale instabilità finanziaria – prendendo i provvedimenti senza precedenti necessari per dei tempi senza precedenti.

Oltre alla liquidità supplementare che la Banca d'Inghilterra sta continuando a fornire, le banche britanniche vengono rinforzate con l'iniezione di quasi 50 miliardi di nuovo capitale – compresa una serie di investimenti commerciali che ammontano a 37 miliardi di denaro pubblico in un certo numero di banche del Regno.

L'acquisto di azioni è una misura provvisoria. Non abbiamo interesse nel dirigere le banche britanniche: abbiamo un interesse nel rinforzare la loro posizione finanziaria. Una risposta di buonsenso alle difficoltà che stiamo affrontando. Perché stiamo investendo per assicurare il futuro del sistema bancario e per stabilizzare l'economia – soldi per far sì che le banche riprendano le loro funzioni adeguate da cui le nostre aziende e famiglie così tanto dipendono.

Ed inoltre oggi abbiamo annunciato i termini della nostra garanzia per nuovi prestiti attraverso il sistema bancario. Ad ogni banca sarà offerta una garanzia ad un prezzo legato al rischio individualmente determinato per permettere che i mercati a medio termine di finanziamento riaprano – permettendo alle banche di prestarsi l'una all'altra e sostenere più generalmente il sistema finanziario, proteggendo al contempo il contribuente.

Prese insieme, queste azioni lasceranno le banche britanniche più forti di quanto lo sarebbero se non agissimo.

Ed è precisamente perché noi – il governo e la city che lavorano insieme – siamo preparati a prendere ora questi duri provvedimenti, che credo che questa city di Londra sarà un centro finanziario più forte per il futuro.

Come vi aspettereste il governo proteggerà sempre gli interessi dei contribuenti. Così come parte di questo programma stiamo stabilendo chiare condizioni per accertarci che il contribuente ottenga un accordo giusto.

· nessuna ricompensa per il fallimento.
· nessun bonus in denaro questo anno per i consigli delle banche che riscuotono fondi pubblici
· nessun dividendo pagato finché le azioni privilegiate del governo saranno completamente riacquistate

E la retribuzione futura sarà basata sulla prestazione e sulla creazione di valore a lungo termine.

Ma questa crisi ha dimostrato oltre ogni dubbio le virtù della sana pratica aziendale che sa ricompensare il rischio responsabile e non l'irresponsabilità.

Sappiamo – e tutti voi riconoscerete – che le aziende costruite su un fondamento a lungo termine solido – con i valori del duro lavoro, dell'impresa e della ricompensa del merito al loro cuore - hanno il più grande successo a lungo termine. Così tutta l'nostra enfasi deve essere su pratica aziendale sana.

Questi sono i principi reali che si trovano dietro la riuscita nella creazione di ricchezza e sono il modo migliore di creare del valore.

Così la cosa più importante tra le conseguenze dell'annuncio odierno c'è un'impresa per ristabilire immediatamente ed mantenere almeno ai livelli dell'anno scorso la disponibilità di prestiti per i compratori di case e le piccole aziende a tassi di interesse competitivi.

Questo so che è il lavoro che il sistema bancario vuole ampliare. E lasciatemi assicurare che questo governo lavorerà sempre duramente per promuovere il ruolo centrale di Londra nel sistema finanziario mondiale e per cercare di aumentare sempre la sua competitività.

Non faremo l'errore di prendere i provvedimenti d'istinto e sconsiderati quando affrontiamo una crisi.

Le nostre azioni saranno attente e trarranno giovamento dalla più larga consultazione possibile.

E mentre riformiamo il nostro sistema finanziario nelle prossime settimane e mesi, sappiamo che le decisioni che prendiamo ora avranno un effetto negli anni ed i decenni a venire.

Come governo, continueremo a proteggere i più vulnerabili nei tempi duri che ci aspettano. Abbiamo la responsabilità di agire in tal modo. Ma l'azione governativa da sola non sarà sufficiente. Dobbiamo spingere tutti insieme per aiutarci l'un l'altro – vicini, famiglie, istituti di carità locali, aziende – perché viene messo alla prova il carattere delle nostre comunità.

Questo è stato sempre il modo per la Gran Bretagna. Il popolo inglese è stato sempre all'altezza della sfida di una crisi e dobbiamo agire ancora in tal modo. Per per spingere insieme come comunità – e mostrare quello spirito, quella resistenza e determinazione che per generazioni ha definito la Gran Bretagna come nazione.

E mantenendo quello spirito britannico – e lavorando in associazione con i nostri amici in tutto il globo – così io credo che possiamo tutti attraversare questi periodi duri insieme – come comunità globale che è più forte e non più debole.

Perché quello che i mercati stanno mostrando è che per quanto completo un programma nazionale possa essere – nessun paese da solo può agire per risolvere quello che è un vero problema globale. Richiede una vera soluzione globale.

Contemporaneamente questo è stato visto non solo come un problema che ha avuto inizio in America ma come un problema concentrato principalmente in America. Questo è ora lontano dal vero.

Le stime del mercato suggeriscono che negli ultimi anni circa 2 trilioni di dollari di prestiti USA siano stati comprati dalle banche della UE.

In questo mondo globalizzato 24/7 quando miliardi di sterline possono essere scambiati con lo scatto di un mouse, non c'è futuro per i paesi che vanno per la loro strada o che perseguono un metodo da mendicante. Tali azioni possono dare un respiro al paese ma non fermeranno ma piuttosto accelereranno il prossimo declino.

Così accolgo calorosamente il fatto che sotto la forte guida del presidente Sarkozy, del presidente Barroso e di Jean-Claude Trichet, i paesi dell'eurozona ieri sera hanno acconsentito per agire sulle garanzie di liquidità, del capitale e del finanziamento.

Ed è importante che Europa ed America lavorino insieme così ho parlato ieri sera al presidente Bush dopo il ritorno da Parigi ed abbiamo concordato il terreno comune per l'azione nei nostri due continenti.

Ma questa crisi finanziaria colpisce il mondo intero. E poiché riconosciamo l'importanza dell'Asia sono in contatto anche con le autorità asiatiche.

Più tardi durante questa settimana cercheremo di andare più avanti al Consiglio Europeo a Bruxelles. E stiamo proponendo una riunione dei leader mondiali in cui dobbiamo concordare i principi e le politiche per la ristrutturazione del sistema finanziario in tutto il globo.

Perché non ci arresteremo alle misure immediate per stabilizzare il sistema. Abbiamo anche bisogno delle misure per rimodellare il sistema finanziario globale per adeguarlo allo scopo futuro. Questo lavoro è importante per costruire la fiducia e questo lavoro deve cominciare oggi.

E dobbiamo cominciare riconoscendo che siamo ora in un sistema finanziario globale e che mentre abbiamo già movimenti di fondi globali abbiamo controllo soltanto ad un livello nazionale.

E proprio come abbiamo bisogno di una nuova coordinazione globale per occuparci delle onde di cambiamento che stanno definendo la nuova era globale dalla disponibilità di energia al cambiamento del clima, così abbiamo bisogno di maggiore cooperazione globale per controllare e quindi sorvegliare i flussi finanziari che non conoscono confini.

Il sistema finanziario globale è troppo offuscato da opacità, conflitti di interesse, comportamenti rischiosi irresponsabili, e quando i problemi accadono i paesi tendono a guardare verso l'interno e ad occuparsi di loro stessi in isolamento quando è chiaro che dovrebbero guardare all'esterno ed associarsi alla cooperazione internazionale.

Concentrarsi sulle ricompense di breve durata crea dei rischi per noi tutti perché è stato prestato del denaro che non aveva quasi nessuna probabilità di venir rimborsato ed è stato quindi impacchettato e venduto nuovamente.

Risparmiatori ed azionisti hanno pensato erroneamente che le banche fossero protette dalla complicata ma insufficientemente compresa ingegneria finanziaria per spargere i rischi attraverso i profondi mercati dei capitali globali. Alla fine l'ingegneria finanziaria non funzionerà se la gente non può vedere o non capisce la natura dei beni e dei rischi che si stanno assumendo.

E questo è stato esacerbato da profondi conflitti di interesse. Le agenzie di stima del credito da accordare erano pagate da quelle stimate. Le indennità e la retribuzione hanno ricompensato il comportamento eccessivamene rischioso. Coloro che hanno creato strumenti finanziari complicati hanno agito in tal modo spesso per le percentuali di transazione che potevano riscuotere piuttosto che per il valore creato per coloro che si supponeva ne beneficiassero: mutuatari e risparmiatori ordinari.

Così ora dobbiamo installare nuove strutture e nuove regole per il futuro. Questo non può semplicemente essere un salvataggio di breve durata per rappezzare le crepe. Soltanto un metodo chirurgico che arriva alla radice del problema funzionerà ora per assicurare che i problemi non ritornino.

E dobbiamo riconoscere che l'azione di cui abbiamo bisogno non è solo nazionale ma globale. Dieci anni fa in un discorso a Harvard ho detto quasi esattamente che “le iniziative e le istituzioni dell'era del dopoguerra sono state modellate nelle condizioni dell'epoca – un'economia mondiale di mercati nazionali protettivi, di movimenti di capitale limitati e di tassi di cambio fisso.

E che il nostro scopo deve essere un sistema finanziario internazionale per il ventunesimo secolo che riconosca le nuove realtà – economie aperte e non protette, mercati dei capitali non nazionali ma internazionali, concorrenza non locale ma globale. Dev'essere un sistema che cattura tutti i benefici dei mercati globali e dei movimenti di capitale, minimizza il rischio di rottura, aumenta le occasioni per tutti ed solleva i più vulnerabili, in breve, il ripristino nell'economia internazionale dello scopo pubblico e degli alti ideali.

E che dobbiamo ora restituire il sistema finanziario internazionale a questa idea delle regole del gioco. Mentre i fondatori di Bretton Woods hanno inventato regole per un mondo di movimenti di capitale limitati, dobbiamo inventare le nuove regole per un mondo di movimenti di capitale globali.”

Durante la Seconda Guerra Mondiale, leader dalla vista lunga come Roosevelt e Churchill già stavano pensando alla struttura che sarebbe stata necessaria per il futuro. Mentre stavano nel fuoco della battaglia – intraprendevano le azioni per forgiare la ricostruzione e la pace che era di là da venire.

Il GATT, l'ONU, la Banca Mondiale, il FMI – tutte sono state inventate da uomini e da donne dalla grande visione – istituzioni profondamente del loro tempo, ma progettate per aiutare la gente ad ottenere il massimo dai tempi a venire.

Con lo stesso coraggio e la stessa preveggenza dei loro fondatori, dobbiamo ora riformare il sistema finanziario internazionale intorno ai principi condivisi della trasparenza, dell'integrità, della responsabilità, del buon governo e della cooperazione attraverso i confini.

Primo la trasparenza. Dobbiamo ora insistere sull'apertura e sulla rivelazione, con un'adozione immediata degli standard internazionalmente condivisi di contabilità – e degli standard che sono presentati per la valutazione dei beni.

E la trasparenza si deve estendere anche fino ai mercati compresi i mercati da trilioni di dollari delle assicurazioni del credito che ora svolgono un ruolo così centrale nello spostamento del rischio nel sistema.

Secondo l'integrità. Dobbiamo affrontare una volta per tutte i conflitti di interesse che hanno distorto il comportamento e insidiato la fiducia; e che ora si trova al centro dell'interesse pubblico.

Questo comprende un sistema di retribuzione fondato sul successo di lungo termine e non sull'irresponsabilità di breve durata. Dobbiamo accertarci che coloro che dirigono le nostre istituzioni finanziarie abbiano i giusti motivi.

Terzo la responsabilità. Dobbiamo accertarci che tutti i membri dei consigli di amministrazione abbiano la competenza e la perizia per maneggiare i rischi e per sorvegliare così efficacemente le loro istituzioni e non evitino i loro obblighi.

Quarto, la sana pratica bancaria. Dobbiamo avere regolamentazione e controllo che guardi sia alla solvibilità che alla liquidità ed assicuri protezione sufficiente durante il ciclo economico per impedire le bolle speculative quando i mercati stanno aumentando ed attenuare l'effetto delle scosse quando stanno cadendo.

Quinto, dobbiamo avere una nuova Bretton Woods: costruire una nuova architettura finanziaria internazionale per gli anni a venire.

A volte ci vuole una crisi affinchè la gente accetti che ciò che è ovvio e avrebbe dovuto esser fatto molti anni fa non è più possibile posporlo.

Dobbiamo creare una nuova architettura finanziaria internazionale per l'età globale.

Questa crisi dimostra oltre ogni dubbio che un mercato dei capitali globale richiede un controllo globale molto più forte.

Dobbiamo accertarci che abbiamo:

· un efficace sistema di allarme globale per avvisarci dei rischi economici e finanziari;
· degli standard globalmente accettati di controllo e regolazione applicati ugualmente in tutti i paesi;
· più forti disposizioni per il controllo oltre frontiera delle imprese globali;
· e – se abbiamo imparato qualcosa – istituzioni molto più forti per la cooperazione e l'azione concordata in una crisi.

Così il FMI e il forum della stabilità finanziaria dovrebbero fungere da sistema di allarme – messo a fuoco sulla prevenzione delle crisi piuttosto che soltanto sulla loro risoluzione.

Ed abbiamo bisogno della supervisione co-coordinato delle aziende globali – da esse accolta favorevolmente – per mettere fine alla discordanza fra i movimenti di capitale globali ed il controllo soltanto nazionale. Così dobbiamo immediatamente realizzare le proposte di collegi di soprintendenti per sorvegliare le istituzioni di frontiera.

E l'azione per la stabilità finanziaria dovrebbe essere accompagnata da una cooperazione economica internazionale più vasta come quella che è cominciata la settimana scorsa con l'azione co-coordinata sui tassi di interesse.

Questi sono i principi che ravviveranno il nostro impegno per un'economia globale del commercio libera, flessibile ed aperta che sia inclusiva e sostenibile.

I prossimi giorni saranno un momento cruciale per il futuro della comunità finanziaria internazionale e dell'economia mondiale. E questo a sua volta lo rende un momento cruciale per le famiglie e le aziende britanniche.

La posta non è mai stata più alta.

È un momento per le giuste decisioni, non solo per le buone discussioni.

La risoluzione dei leader e delle nazioni di tutto il mondo sarà messa alla prova durante i prossimi giorni. Ma se possiamo coordinare l'azione nazionale intorno ai principi che io ho precisato oggi – allora credo che potremo superare questo periodo difficile ed essere più forti per farlo – sia come diverse nazioni che come comunità globale.

Una soluzione globale ad un problema globale. Accertandoci che mai abbiamo affrontato tali problemi; ed assicurando il futuro per il nostro sistema bancario in modo che per le generazioni a venire Londra e la Gran Bretagna rimangano la casa della finanza globale.

Fonte: http://gongoro.blogspot.com/2008/10/globalismo-globalmente-globale.html

Nessun commento:

Posta un commento