giovedì 8 maggio 2008

Internet: Sempre più siti mettono stop a commenti anonimi


Washington Post: basta con i commenti anonimi.

Roma - Homo homini lupus. Per il caporedattore del Washington Post online la tesi di Plauto è più che attuale, soprattutto quando si ha a che fare con i commenti online dei lettori. La proposta di Jim Brady, quindi, è di eliminare ogni opzione di posting anonimo.

Durante il Digital Hollywood di Los Angeles, uno degli Expo sui media più importanti del paese, il noto giornalista ha spiegato che vorrebbe disporre di una tecnologia capace di identificare le persone che violano le norme prestabilite dalle policy dei siti; in automatico il sistema dovrebbe poi procedere con l'espulsione.

Brady non sembra nutrire interessi commerciali per i dati degli utenti: desidera però che i post possano essere correlati univocamente ad una persona, un cittadino che sia responsabile di ogni sua affermazione e la cui identità sia stata accertata preventivamente.

"Penso che una parte del problema sia che le persone non sono tenute ad essere responsabili su Internet", ha sottolineato il giornalista. "Le persone dicono online cose che non direbbero mai ad una cena, seppur in disaccordo con gli altri presenti. Penso che un dibattito accalorato sia giusto, ma quando ci sono flame, molti non vi prendono parte per il timore di essere attaccati con l'equivalente online di una mazza d'acciaio".

Non è la prima volta che Brady sostiene questa tesi. È accaduto qualche tempo fa in occasione dell'ennesima esplosione di commenti dovuta ad un'erronea rivelazione del Washington Post. In quel caso, il Caporedattore decise di bloccare ogni funzione di posting giustificandosi con il fatto che quel genere di commenti "non avrebbe sfigurato sulle porte di un bagno pubblico".

Alla domanda sui rischi di violazione della privacy nel caso di una "identificazione forzata" dell'utente, Brady non si è nascosto: a suo parere si tratta di un aspetto importante, ma da controbilanciare con il controllo. "Non vogliamo che il nostro sito venga sterilizzato, ma abbiamo il diritto di creare un tipo diverso di comunità", ha sentenziato il giornalista.

Senza una specifica tecnologia, o la messa in campo di un sistema di accertamento attraverso documenti come la carta di credito o altri, le parole di Brady potrebbero sembrare vane. Chiudere un account ad un utente non identificato è del tutto vano, così come bloccare un IP a tempo indeterminato, col rischio di tenere fuori qualcuno che non ha niente a che vedere con eventuali abusi. Brady ci scherza su: "Non si vuole certamente bloccare l'intero Dipartimento dell'Energia o qualcosa di simile". Ma poi spiega che è solo questione di tempo.

A suo dire, infatti, entro massimo cinque anni verrà richiesta l'identificazione online su molti siti. "Non so se sarà realizzata con un codice di carta di credito, una Patente o un passaporto, ma penso che rendere le persone responsabili farebbe aumentare la qualità delle discussioni".

Dario d'Elia

Fonte: http://punto-informatico.it/2277625/PI/News/Washington-Post--basta-con-i-commenti-anonimi/p.aspx




Nessun commento:

Posta un commento