mercoledì 5 marzo 2008

Continua IL Massacro di Gaza Nel Silenzio Occidentale

A Gaza continua il massacro di palestinesi inermi gente che non centra nulla con hamas viene trucidata, donne e bambini periscono in nome di sion dove non un ammonimento da parte dell’occidente arriva, negli ultimi due giorni i caccia israeliani hanno ucciso 32 palestinesi, la causa di queste incursioni è data dal fatto che si continui a sparare razzi Kassam, a cui pare si siano aggiunti ora dei «Grad», che sono katiushe da 122 millimetri di vecchia concezione sovietica, da notare come anche la reazione di Sion sia spropositata praticamente quattro razzi sparati da i soliti imprendibili guerriglieri di hamas ha fatto si che si perpetrasse subito un rastrellamento a gaza.

Come è possibile che uno dei migliori eserciti preparati e tecnologicamente avanzati al mondo non riesca a fermare chi spara i razzi, hanno satelliti che identificano un pacchetto di sigarette in una frazione di secondo ma questi lanciatori di razzi non si riesce a fermarli e a rimetterci sempre donne e bambini in numero spropositato qualcosa mi sfugge.

Intanto gli Stati Uniti portano davanti alle coste libanesi l’incrociatore lanciamissili USS Cole accompagnato da altre due navi da guerra e per questo l’ambasciata saudita a chiesto ai suoi cittadini che di trovano in Libano di lasciare il paese quanto prima.

Devo dire che io non ho nulla contro il popolo israeliano e credo che il loro olocausto sia stato un fatto gravissimo il quale non deve essere dimenticato ma non per questo bisogna avere il diritto di passare a vittime per l’eternità e comportarsi come lo sono stati i loro stessi carnefici, ormai Gaza è un Lager a cielo aperto non passa acqua, cibo, elettricità, gli ospedali vanno avanti a stento e la produttività ed il lavoro è quasi pari allo zero.

Continuando in questo delirio per la protezione dello stato “vittima di israele” non una voce si è alzata dal “democratico occidente” il quale sulle maggiori testate giornalistiche la cosa è passata con un trafiletto a piccoli caratteri sulle principali notizie se andava bene altrimenti il silenzio totale

è una vergogna!

Qui sotto le principali testate giornalistiche sulla strage che si consuma a Gaza tratto dal sito comeDonChisciotte :

Gaza on NY TimesDI HAITHAM
SABBAH’S BLOG

E’ disgustoso. Quasi nulla è stato detto nella “libera stampa” dell’occidente democratico. Di fatto la copertura mediatica, in alcuni casi, arriva a essere complicità nel crimine.

Ecco alcuni esempi (clickare sull’immagine per ingrandire):

Media USA - quotidiani:

New York Times: Non una sola parola!

LA Times: Non una sola parola!

Gaza on LA Times

Media USA - news online:

New York Times: Sotto "More News" una piccola frase: "Israele porta la battaglia di Gaza ad un livello successivo in un giorno di incursioni "

Gaza on NY Times

The Washington Post: Una frase difficile da vedere, "60 abitanti di Gaza uccisi in una incursione da forze Israeliane"

Gaza on The Washington Post

CNN: "Attacco aereo israeliano colpisce l’ufficio del premier di Hamas."

Senza nominare le abitazioni civili, i bambini, i neonati e i civili uccisi. Portando a credere che Israele sta attaccando solo Hamas. Niente di nuovo!

Gaza on CNN

LA Times: Cinque parole difficili da vedere (evidenziate in blu) , "Israele lancia offensiva a Gaza."

Gaza on LA Times

Fox news: "54 morti in un attacco contro militanti."

Doh… fanno sconti sui numeri (al momento del loro articolo i morti erano più di 78).

Gaza on Fox

Almeno due dozzine di civili palestinesi, compreso un bambino piccolo, sono tra le vittime, i miliziani dicono che 25 combattenti sono morti. Funzionari medici dicono che ci sono circa 200 feriti, 14 in stato critico.

Sebbene più di un terzo dei 78 morti fossero bambini o neonati la Fox parla solo di un neonato!!!

Media Britannici - online:

Sito della BBC:

Secondo titolo da sinistra (evidenziato in blu): "Il Segretario ONU condanna la violenza a Gaza."

Violence eh? Senza dire nulla di bambini, neonati e civili uccisi!!!

Gaza on BBC

Media britannici -quotidiani:

The Daily Telegraph: Non una sola parola!

Gaza on Daily Telegraph

The Guardian: > Non una sola parola!

The Guardian

The Herald: > Non una sola parola!

Gaza on The Herald


IHT: paragrafo molto piccolo sul lato sinistro della prima pagina.

Gaza on IHT

Germania – notizie online:

Spiegel: Una frase difficile da vedere in fondo alla pagina

Gaza on Spiegel

Benvenuti nel mondo cieco e sordo dei "diritti umani" e della "libertà di stampa"!!


Nessun commento:

Posta un commento