giovedì 6 marzo 2008

Come Viene Controllata L'Informazione : Parte Prima

IL PIANO DEL PENTAGONO PER IL COMPLETO CONTROLLO DELL'INFORMAZIONE

DI BRENT JESSOP
Knowledge Driven Revolution

Parte I: La guerra dell'informazione

Quando i militari statunitensi parlano di controllo completo, intendono veramente dire "controllo completo". Le operazioni di disinformazione [Information operations, IO], o guerra dell'informazione, sono parte essenziale dell'attività militare. In seguito ad una richiesta del National Security Archive dell'università George Washington, giustificata dal Freedom of Information Act, il Pentagono ha dovuto recentemente declassificare il documento Information Operation Roadmap, descritto dal sito del Council on Foreign Relations in questi termini:

"Documento del Pentagono del 2003, in precedenza classificato come noforn (da non portare a conoscenza di stranieri, compresi gli alleati). Il rapporto indica in dettaglio le operazioni di disinformazione dell'armata USA, incluse le operazioni psicologiche, la guerra elettronica, la manipolazione dei giornalisti stranieri. Il National Security Archive ha reso pubblico il documento il 26 gennaio 2006"



Sullo stesso piano delle operazioni aeree, terrestri, marittime e speciali

Il documento sottolinea chiaramente l'importanza della guerra di disinformazione.

"Principi fondamentali. L'informazione, sempre importante nella guerra, è adesso indispensabile per il successo militare, e lo sarà sempre di più nel futuro prevedibile. Tre principi chiave sottolineano la crescente importanza dell'informazione:

- (U) Comunicare con efficacia le capacità e le intenzioni del governo USA (USG) è un mezzo importante per combattere i piani dei nostri nemici. La possibilità di far arrivare rapidamente informazioni convincenti ai diversi destinatari, in modo da influenzarne direttamente le scelte, è un sistema sempre più potente per contrastare l'aggressione"
[grassetto aggiunto] - 3

Il punto centrale del documento è la tesi secondo cui le operazioni di disinformazione dovrebbero essere centralizzate presso il Segretario della Difesa ed essere considerate attività militari fondamentali.

Obiettivo: le IO [operazioni di disinformazione] diventano un'attività militare fondamentale. L'importanza di dominare lo spettro dell'informazione spiega l'obiettivo di trasformare l'IO in un'attività militare fondamentale, sullo stesso piano delle operazioni aeree, terrestri, marittime e speciali. Al panel di controllo della IO Roadmap era stato affidato il compito di elaborare una serie di raccomandazioni estremamente pratiche per rendere l'IO un'attività militare fondamentale, cosa che a sua volta imponeva d'individuare i prerequisiti essenziali per diventare tale" [grassetto aggiunto] - 4


Messaggi e temi coerenti

La principale ragione per centralizzare le operazioni d'informazione sotto un comando unico era quella di creare una coerenza tra i vari segmenti delle operazioni d'informazione del Pentagono.

"L'IO richiede un coordinamento tra affari pubblici e operazioni militari e civili, in modo che gli obiettivi delle attività correlate si completino vicendevolmente e sia garantita la coerenza del messaggio" [grassetto aggiunto] – 23

"- (U) Il governo USA non può attuare una efficace strategia di comunicazione che faciliti le operazioni militari se organi differenti del governo inviano ai destinatari stranieri messaggi incoerenti. È quindi importante che le differenze politiche tra dipartimenti e agenzie del governo statunitense vengano stemperate al punto da permettere di trasmettere gli stessi temi e messaggi.

- (U) Tutte le attività d'informazione del Ministero della Difesa (DoD), incluse le operazioni di disinformazione condotte a livello strategico, operativo, e tattico, dovranno riflettere ed essere coerenti con gli obiettivi strategici e politici di sicurezza nazionale in senso lato
" [grassetto aggiunto] – 25

"Coordinamento delle attività d'informazione. Le "attività d'informazione" più importanti del DoD riguardano gli affari pubblici, il sostegno militare alla diplomazia ufficiale e le PSYOP [operazioni psicologiche]. Il dipartimento di Stato mantiene il controllo della diplomazia ufficiale [solo mezza linea scritta] e l'IBBG [International Broadcasting Board of Governors] quello della trasmissione oltremare dei messaggi dell'USG, spesso con il DoD in funzione di supporto. Il DoD ha costantemente sostenuto che le attività d'informazione di tutte le agenzie devono essere integrate e coordinate, in modo da garantire che temi e messaggi siano coerenti" [grassetto aggiunto] - 25


Una forza addestrata e con carriera pianificata

Oltre a trasformare le operazioni d'informazione in attività militare fondamentale, il documento proponeva, nel capoverso intitolato "Una forza addestrata e con carriera pianificata":

"Il DoD [Department of Defence] esige uno staff di professionisti delle IO capaci di pianificare ed eseguire IO pienamente integrate per sostenere i comandi delle unità combattenti. La forza di professionisti dell'IO dovrà offrire opportunità di promozioni e incentivi proporzionali a quelle di altre aree di combattimento e la possibilità di passaggio al rango di responsabile esecutivo" - 32


Sostegno

Il documento fu approvato e firmato dall'allora Segretario alla Difesa, Donald H. Rumsfeld, che aggiunse le seguenti parole d'incoraggiamento:

"Approvo le raccomandazioni della Roadmap e invito servizi, comandi delle unità combattenti e agenzie del DoD a sostenere senza riserve l'attuazione del piano" - iv



Ma cosa sono le operazioni di disinformazione?

Il documento definisce le operazioni di disinformazione nei seguenti termini:

"L'uso integrato delle possibilità offerte dalla Guerra elettronica, le Operazioni informatiche in rete, le Operazioni psicologiche, la disinformazione militare e le operazioni di sicurezza (in coordinamento con opportune e specifiche capacità di sostegno) per influenzare, distruggere, alterare o prendere il controllo dei sistemi decisionali umani e automatici degli avversari, proteggendo al tempo stesso i nostri" - 22


Questa serie di articoli analizzerà l'obiettivo del Pentagono di assumere il controllo completo della guerra delle informazioni, inclusi il controllo dello spettro elettromagnetico e la lotta a Internet. Mi occuperò inoltre del ricorso alle operazioni psicologiche (PSYOP), così come definite nell'Information Operation Roadmap e degli eventuali limiti nella guerra delle informazioni.

ParteII: Controllo assoluto dell'intero spettro elettromagnetico

Nel 2003, l'allora Segretario alla difesa Donald Rumsfeld firmò l'Information Operation Roadmap che, tra le altre cose, sottolineava l'intenzione del Pentagono di dominare l'intero spettro elettromagnetico.

[...]

Dominare

Da Information Operation Roadmap:

"Dobbiamo migliorare le nostre capacità di attacco nell'etere e in rete. Per vincere una guerra imperniata sull'informazione, sta diventando sempre più importante che le nostre forze abbiano capacità di attacco sufficienti a controllare lo spettro elettromagnetico" [grassetto aggiunto] – 6

"Coprire l'intero arco delle missioni e possibilità dell'EW [Guerra elettronica], incluse la guerra di navigazione, il contrattacco, il controllo dei sistemi a radiofrequenza dell'avversario che permettono di localizzare e individuare amici e nemici, ecc." – 61

"Fornire capacità di EW sufficienti a garantire il controllo totale dell'intero spettro elettromagnetico, neutralizzando, degradando, alterando o distruggendo l'intera gamma dei nuovi sistemi di comunicazione, dei sensori, e dei sistemi d'armamento che usano lo spettro elettromagnetico" [grassetto aggiunto] – 61

"La DPG 04 [Defense Planning Guidance] ha affidato all'USD (AT&L) [Under Secretary of Defense for Acquisition, Technology and Logistics], in coordinamento con il CJCS [Chairman of the Joint Chiefs of Staff] e i servizi, il compito di sviluppare le raccomandazioni per trasformare e ampliare le possibilità dell'EW... di rilevare, localizzare e attaccare l'intera gamma delle nuove apparecchiature di telecomunicazione, i rilevatori di preallarme e le tecnologie di attivazione delle armi che usano lo spettro elettromagnetico" [grassetto aggiunto] – 59


Piattaforme invisibili sulle vostre teste

"Sviluppare una strategia coerente e completa d'ingaggio nella EW per un'architettura che... Si presti particolare attenzione a:

- (U) Programmare un attacco elettronico in aree interdette per mezzo di piattaforme invisibili... Come priorità assoluta, accelerare lo sviluppo congiunto delle opportune strumentazioni di EW per apparecchi da combattimento aereo senza equipaggio
" [grassetto aggiunto] – 62


È interessante il riferimento alle piattaforme invisibili e agli apparecchi da combattimento aereo senza equipaggio (UAV), che in effetti stanno attualmente pattugliando le frontiere canadese e messicana, e ben presto anche quella artica. Grazie ai fondi concessi dal Ministero per la sicurezza interna, i servizi di polizia statunitensi stanno cominciando ad usare gli UAV anche per controllare dall'alto i cittadini. A titolo di esempio, citerò Sacramento, California e...

"una contea del Nord Carolina ha cominciato a sorvegliare i cittadini con un UAV dotato di telecamere a raggi infrarossi e per riprese in assenza di luce. Il velivolo è stato impiegato per monitorare i raduni di motociclisti nel luna park di Gaston da un'altitudine di poche centinaia di metri, sufficiente comunque a identificare i volti; sono previsti vari altri usi, ad esempio il rilevamento aereo dei campi di marijuana"


Il campo di battaglia elettronico

"L'ACTD [Advanced Concept Technology Demonstration] dovrà esaminare un'ampia gamma di tecnologie, inclusa una rete di apparecchi da combattimento aereo senza equipaggio e sistemi miniaturizzati e disseminabili di dispositivi per la ritrasmissione via satellite in aree interdette. Dovrà anche prendere in considerazione i sistemi di diffusione dei messaggi, inclusi radio e televisione satellitari, telefoni cellulari e altri dispositivi senza fili, e Internet" [grassetto aggiunto] – 65

"Sfrutta altre iniziative di EW, incluso l'uso dell'E-Space Analysis Center per correlare e unire tutti i dati disponibili che permettono di delineare uno scenario di campo di battaglia elettronico in tempo reale" [grassetto aggiunto] - 62


Come si delinea esattamente uno scenario di campo di battaglia elettronico in tempo reale? E dov'è esattamente questo campo di battaglia? Il documento Rebuilding America's Defenses elaborato nel settembre del 2000 nel quadro del Project for a New American Century, conteneva un'affermazione molto simile (per ulteriori dettagli sul documento cliccare qui e qui.)

"Sensori di nuovo tipo - commerciali e militari, terrestri, sottomarini, aerei e spaziali – saranno collegati tra di loro per dar vita a una densa rete che potrà essere rapidamente configurata e riconfigurata, in modo da consentire in futuro ai comandi una conoscenza del campo di battaglia senza precedenti" - 59


Un articolo scritto da Mark Baard per Parallelnormal.com fa parzialmente luce sull'argomento.

"Filadelfia, San Francisco, Houston e Providence, R.I. sono alcune delle città che, in collaborazione con aziende private e con il governo federale, stanno mettendo a punto l'accesso internet pubblico a larga banda. Providence ha usato i fondi del Ministero per la sicurezza interna per costruire una rete destinata alla polizia, che potrà successivamente essere messa a disposizione del pubblico..."

"Ma quandanche le città non riuscissero a portare a termine i progetti Wi-Fi, i militari potrebbero completare le reti nello spazio di qualche ora, forse meno"

"Il DOD [ministero della difesa], che partecipa ai giochi di guerra urbani con il Ministero per la sicurezza interna, i Canadesi, gli Israeliani e altre forze internazionali, sta sperimentando reti Wi-Fi che possono essere create istantaneamente"

"Secondo un recente comunicato del DOD per le società appaltanti, al loro arrivo in una città i soldati potranno rilasciare robot, i cosiddetti LANdroids, in grado di posizionarsi rapidamente da soli e trasformarsi in nodi di una rete di comunicazione senza fili (Cliccare qui per scaricare una copia del comunicato del DOD in formato PDF)"

"Le antenne Wi-Fi sparse sul territorio urbano serviranno non solo da relè di comunicazione ma anche da transponder per individuare l'esatta posizione di ogni singolo computer o telefono mobile... uno scenario che ho già descritto l'anno scorso nel Boston Globe".

"In altre parole, quando il GPS non è più in grado di localizzare un dispositivo (e il suo proprietario) il compito viene assunto dal Wi-Fi"

"Inoltre, le antenne ritrasmetteranno gli ordini alle masse lobotomizzate, pensano i membri del Ministero britannico della difesa e il DOD
"


Conclusione

Il prossimo articolo esaminerà il progetto del Pentagono di "combattere la rete", come indicato nell'Information Operation Roadmap. Analizzerà inoltre l'impiego delle PSYOP (operazioni psicologiche) e metterà in luce la completa mancanza di limiti nel ricorso a tutte queste operazioni di disinformazione, sia verso gli americani in patria che verso gli stranieri.

Parte III: "Dobbiamo combattere la rete"

Il documento del Pentagono Information Operations Roadmap è drastico nell'affermare che Internet, con la sua possibilità di far parlare senza bavagli, è in totale contrasto con gli obiettivi dei militari, e deve quindi essere visto come un "sistema bellico" nemico.

Information Operation Roadmap, elaborato nel 2003, è diventato di pubblico dominio nel 2006, in seguito ad una richiesta del National Security Archive dell'università George Washington, giustificata dal Freedom of Information Act. Qui [parte I] ho descritto in dettaglio i principali punti del testo e il significato delle operazioni di disinformazione, o guerra dell'informazione.

Attacco alla rete informatica

Da Information Operation Roadmap:

"Una volta messe in pratica le raccomandazioni del rapporto, constateremo un rapido miglioramento delle nostre capacità di CNA [Computer Network Attack: attacco alla rete informatica]" – 7

"Maggiori capacità di IO [operazioni di disinformazione] per il combattimento, inclusi ... un efficace pacchetto di strumenti per un attacco a tutto campo delle reti elettronica e informatica..." [grassetto aggiunto] – 7


Il Pentagono intende forse usare su Internet le sue capacità di attacco alla rete informatica?

Combattere la rete

"Dobbiamo combattere la rete. Il DoD [Ministero della difesa] sta organizzando una forza speciale per l'informazione. Le reti stanno diventando sempre di più il nocciolo duro operativo, e il Ministero dev'essere pronto a 'combattere la rete'" [grassetto aggiunto] – 6

"La strategia del DoD "Defense in Depth" dovrà funzionare partendo dal principio che il Ministero 'combatterà la rete' come se fosse un'arma bellica" [grassetto aggiunto] – 13


Non dovrebbe sorprendere nessuno il fatto che, nel tentativo di ottenere il controllo assoluto nella guerra dell'informazione, il Pentagono intenda attaccare senza pietà "l'autostrada dell'informazione". Il coinvolgimento di Donald Rumsfeld nel Project for a New American Century mette meglio in luce la necessità e il desiderio di controllare l'informazione.

Il PNAC Domina il Cyberspazio

Il PNAC (Project for a New American Century) fu creato nel 1997 con la partecipazione di vari membri che diventeranno poi il nucleo dell'amministrazione di George W. Bush. L'elenco include Jeb Bush, Dick Cheney, I. Lewis Libby, Donald Rumsfeld, e Paul Wolfowitz, oltre a numerosi altri personaggi altrettanto potenti ma meno conosciuti. Lo scopo dichiarato era utilizzare una struttura militare statunitense fortemente potenziata per imporre la "leadership globale degli USA". Nel settembre del 2000, il PNAC ha pubblicato l'oramai screditato Rebuilding America's Defence, il cui tema conduttore era molto simile all'Information Operations Roadmap del Pentagono a suo tempo sottoscritto dal Segretario alla difesa Donald Rumsfeld.

Da Rebuilding America's Defenses:

"È oramai opinione comunemente accettata che le tecnologie dell'informazione e altre... stiano creando una dinamica che può minacciare la capacità americana di esercitare la sua politica di predominio militare" [grassetto aggiunto] – 4

"Controllo dello spazio e del cyberspazio. Come in passato il controllo degli oceani e la protezione del commercio internazionale hanno giustificato l'esistenza delle potenze mondiali, così in futuro il controllo delle nuove "ricchezze naturali globali" sarà la chiave per il dominio mondiale. Un paese incapace di proteggere i suoi interessi, o quelli degli alleati, nello spazio e nell''infosfera' avrà difficoltà a imporre la propria leadership politica mondiale" [grassetto aggiunto] – 51

"Anche se il processo di trasformazione potrà richiedere vari decenni prima di essere completato, l'arte della guerra aerea, terrestre, o marittima sarà in futuro completamente diversa da quella odierna, e i 'combattimenti' avranno presumibilmente luogo in nuove dimensioni: spazio, 'cyberspazio' e forse universo dei microbi" [grassetto aggiunto] - 60


Per saperne di più su Rebuilding America's Defences leggete qui.

Internet 2

Parte dei piani dell'Information Operation Roadmap per Internet suggeriscono di "garantire una degradazione pilotata della rete piuttosto che un suo collasso" (pag. 45). L'idea viene presentata in un'ottica di "difesa", ma presumibilmente ha a che vedere con la vera difesa quanto il Ministero della difesa.

Per quanto riguarda il Pentagono, Internet non è dopo tutto completamente da gettare: in una prima fase era pur sempre stato il Ministero della difesa, con il DARPA, a regalarci la rete. Tra i tanti altri vantaggi, il Pentagono lo considera non solo un ottimo strumento per il commercio ma anche un eccellente sistema per monitorare e seguire le tracce degli utilizzatori, abituare la gente a un mondo virtuale, sviluppare dettagliati profili psicologici delle persone collegate. Ma l'attuale versione presenta un grosso problema: la possibilità di essere usata per diffondere idee e informazioni non allineate con i temi e i messaggi del governo statunitense, comunemente definite "parlare libero". Poiché il piano prevedeva il controllo completo della "infosfera", Internet doveva ovviamente essere modificato o sostituito con una versione nuova e più prona al volere del Pentagono.

In un suo articolo su Prison Planet.com, Paul Joseph Watson descrive l'arrivo di Internet2.

"L'implementazione di 'Internet 2' ha anche lo scopo di creare un nuovo sistema gerarchizzato in cui i vecchi portali avranno solo la possibilità di implodere e morire, costringendo così la gente a usare il nuovo WWW tassato, censurato e normalizzato. State cercando d'immaginare a cosa rassomiglierà tra cinque anni Internet, se non ci opponiamo attivamente? Guardate la Cina e i suoi più recenti tentativi di eliminare completamente dalla rete dissidenti e anonimato".


Conclusione

Il prossimo articolo spiegherà come il Pentagono usa le PSYOP (operazioni psicologiche) e l'ultimo articolo della serie discuterà l'esistenza o meno di limiti all'uso delle operazioni di disinformazione a danno dei cittadini statunitensi e degli stranieri.

Parte IV: Guerra Informativa Con l'Uso di Operazioni Psicologiche Aggressive

I piani del Pentagono per operazioni psicologiche, o PSYOP, nell'ambiente informativo globale del ventunesimo secolo sono aggressive e ad ampio raggio. Questi desideri sono esposti nel documento del Pentagono del 2003, chiamato Information Operation Roadmap, firmato da Donald Rumsfeld nel suo ruolo di segretario alla difesa.

[...]

Cosa è una PSYOP?

Una PSYOP non è specificatamente definita in questo documento ma esso fornisce degli scorci nell'ampio ventaglio di attività che sono considerate PSYOP.

"La posizione comune era che ‘chi si occupa di affari pubblici informa, mentre la pubblica diplomazia e le PSYOP influenzano’. Le PSYOP sono anche state percepite come le più aggressive delle tre attività informative, tramite l'utilizzo di diversi mezzi, compresi la manipolazione psicologica e le minacce personali" [grassetto aggiunto]-26

"Un risultato delle operazioni civili delle forze armate e di relazioni pubbliche è quello di fornire un maggiore appoggio per gli sforzi militari, e dunque queste attività possono aiutare a scoraggiare e dissuadere i nemici, cosa che le PSYOP fanno in modo più diretto con le proprie tattiche, tecniche e procedure" [grassetto aggiunto]-10

"Messaggi PSYOP disseminati a qualunque tipo di uditorio, tranne che a singoli decision-makers (e forse anche in questo caso), verranno spesso ripresi dai media a beneficio di un pubblico più vasto, compreso il pubblico americano" [grassetto aggiunto]-26

"Una forza di PSYOP [deve essere] pronta a condurre una sofisticata analisi del pubblico-obiettivo e a modificare il comportamento con campagne di PSYOP su molteplici media che comprendano prodotti di qualità commerciale che possano essere rapidamente disseminati attraverso i comandanti combattenti dell'area di operazione" [grassetto aggiunto]-63

"I prodotti di PSYOP devono essere basati su di una profonda conoscenza del processo decisionale del pubblico e dei fattori che influenzano le sue decisioni, e prodotti rapidamente con i più alti standard di qualità ed efficacemente disseminati direttamente all'audience mirato attraverso l'area delle operazioni" [grassetto aggiunto]-6

"Una migliore descrizione degli atteggiamenti, percezioni e processi decisionali di un avversario. Comprendere come e perché gli avversari prendono delle decisioni richiederà miglioramenti nell'intelligence umana (HUMINT) ["Human Intelligence"] e nello sfruttamento delle fonti aperte, così come migliori strumenti e metodi di analisi" [grassetto aggiunto]-39

"Il SOCOM [Special Operations Command, comando per le operazioni speciali] deve creare un Elemento Congiunto di Supporto per le PSYOP per coordinare i programmi del comando di combattimento con gli stati maggiori e con lo OSD [Office of the Secretary of Defense] in modo da fornire prodotti prototipo di PSYOP di qualità commerciale, rapidamente creati e coerenti con i generali temi e messaggi del governo Usa"[grassetto aggiunto]- 15

"La 'PSYOP Advanced Concept Technology Demonstration' [dimostrazione di PSYOP di tecnologia avanzata n.d.t.] del SOCOM attualmente in corso e gli sforzi di modernizzazione dovranno permettere la puntuale disseminazione a lungo raggio di prodotti tramite diversi sistemi di diffusione di PSYOP. Questi includono satelliti, radio e televisione, telefoni cellulari e altri dispositivi senza fili, Internet e gli aggiornamenti dei sistemi di diffusione tradizionali quali volantini e l'uso di altoparlanti che sono estremamente reattivi ai comandanti delle manovre" [grassetto aggiunto]- 15

"Le potenzialità di equipaggiamento per le PSYOP richiedono la tecnologia del ventunesimo secolo. Questa modernizzazione permetterà la disseminazione a lungo raggio di messaggi di PSYOP tramite nuovi canali informativi come satelliti, Internet, segreterie digitali personali e telefoni cellulari:

- (U) PSYOP ACTD. A partire dall'anno fiscale 2004 il SOCOM [Special Operations Command] ha dato inizio ad una Advanced Concept Technology Demonstration (ACTD) per affrontare il problema della disseminazione di prodotti di PSYOP in aree proibite. La ACTD dovrebbe esaminare un insieme di tecnologie che comprendono una rete di veicoli aerei miniaturizzati senza pilota, sistemi per diffondere appelli pubblici tramite la ritrasmissione via satellite in aree proibite. Dovrà anche considerare diversi sistemi di diffusione del messaggio, che includano televisioni e radio via satellite, telefoni cellulari e altri dispositivi senza fili e Internet
" [grassetto aggiunto]- 65

"Analisi rapide e completamente integrate dei nodi delle reti che forniscano ai comandanti combattenti soluzioni olistiche cinetiche e non cinetiche, per un ampio spettro di obiettivi di operazioni di disinformazione [IO] umane, fisiche ed elettromagnetiche" [grassetto aggiunto]- 39

"Capacità quali la sicurezza fisica, la sicurezza informativa, il controspionaggio e l'attacco fisico forniscono importanti contributi ad operazioni informative efficaci" [grassetto aggiunto]- 23


PSYOP tramite terze parti

Il Pentagono è anche intenzionato ad usare terze parti per le sue PSYOP.

"Identificare e disseminare le vedute di altri sostenitori che appoggino le posizioni Usa. Queste fonti potrebbero non articolare le posizioni in Usa nel modo in cui fa il USG [governo Usa], ma ciò potrebbe nondimeno avere un'influenza positiva" [grassetto aggiunto]- 27


Sotto la raccomandazione 48 – "Creare un elemento di supporto congiunto per le PSYOP"--si trova quanto segue:

"Fare contratti con fonti commerciali per un migliorato sviluppo del prodotto" [grassetto aggiunto]- 64


L'uso di terze parti o di gruppi di pressione per la disseminazione della propaganda del governo Usa è un fatto ben documentato. Un paio di recenti esempi includono il pagamento illegale di $ 1,6 miliardi all'interno del paese per notizie false ed attività simili in Iraq usando, tra gli altri, il Lincoln Group.

PSYOP virtuali

Il Pentagono non sta solo sfruttando nuove e vecchie tecnologie per la modificazione comportamentale aggressiva, ma addestra e raffina le sue tecniche in una simulazione virtuale del mondo intero.

Da un articolo di Mark Baard:

"I funzionari della difesa, dell'intelligence e della sicurezza nazionale Usa stanno costruendo un mondo parallelo, su di un computer, che le agenzie useranno per testare i messaggi di propaganda e le strategie militari".

"Chiamata Sentient World Simulation [simulazione del mondo senziente] il programma utilizza routine di intelligenza artificiale basate sulle teorie psicologiche di Marty Seligman, tra gli altri. (Seligman introdusse la teoria della "learned helplessness" negli anni 60 [si potrebbe tradurre con "impotenza appresa", anche se il termine helplessness alla lettera vuol dire "sentirsi indifesi" n.d.t.] dopo aver sottoposto a schock dei cani beagle sino a farli urinare e accovacciare in fondo alle loro gabbie)."

"Leva di colpo il rifornimento idrico a un paese. Esegui un colpo di Stato militare. La SWS ti dirà cosa accade dopo".

"La simulazione comprenderà un AR avatar per ogni persona nel mondo reale basato sui dati raccolti su di noi dai registri governativi e da Internet
".


Quanto pensate sarà utile il vostro nuovo account MySpace o Facebook nell'aiutare il Pentagono a sviluppare un vostro dettagliato profilo psicologico? Pensate che esiteranno a sfruttare una fonte tanto preziosa di dati personali?

Consapevolezza sull’AIDS

"Comunque, nel passato, le PSYOP sono spesso state usate in appoggio della diplomazia pubblica del governo Usa e di obiettivi informativi su un pubblico non-avversario. Queste azioni includevano programmi antidroga, di sminamento o di consapevolezza sull'Aids in paesi amici". [grassetto aggiunto]- 25


È un punto minore nel contesto di questo documento, ma vale la pena riflettere sul motivo per cui le PSYOP militari USA siano state usate per la consapevolezza sull'Aids.

Vi sono limiti alla guerra informativa?

Una domanda ovvia sorge dalla descrizione di PSYOP presentata da Information Operation Roadmap: vi sono dei limiti? le PSYOP possono essere condotte anche sul pubblico americano o solo su un'audience e straniero? Su avversari o anche su non avversari? Possono essere seguite in tempo di pace? Il mio prossimo articolo tenterà di mostrare quanto pochi siano, in realtà, i limiti.

Parte V: Guerra Informativa Senza Limiti

Il documento del Pentagono del 2003 intitolato Information Operation Roadmap descrive la necessità di dominare l'intero spettro elettromagnetico, ‘combattere la rete’ e usare operazioni psicologiche per modificare in modo aggressivo il comportamento. Ma rimane una grande domanda; vi sono dei limiti alla guerra informativa?[…]

PSYOP, diplomazia pubblica e pubbliche relazioni

Da Information Operation Roadmap:

"Nel passato sono generalmente state accettate alcune basilari somiglianze e diversità tra le PSYOP [operazioni psicologiche], l'appoggio alla diplomazia pubblica e le pubbliche relazioni. Storicamente tutte e tre hanno usato la verità per rinforzare la credibilità, tutte e tre si sono rivolte a un pubblico straniero, sia avversario che non-avversario. Solo le pubbliche relazioni si sono rivolte a un pubblico interno. Inoltre tutte e tre le attività hanno ricercato un impatto positivo per gli interessi del USG [governo Usa], ma con qualche differenza nei metodi impiegati e negli obiettivi cercati. La posizione usuale era che ' le relazioni pubbliche informano, mentre la diplomazia pubblica e le PSYOP influenzano'. Le PSYOP sono anche state percepite come le più aggressive delle tre attività informative, a causa dell'uso di diversi mezzi, tra cui la manipolazione psicologica e le minacce personali." [grassetto aggiunto]- 26


C'è molta carne al fuoco in questo paragrafo, innanzitutto c'è l'affermazione quasi umoristica della "verità per rinforzare la credibilità". Qualcuno si ricorda delle armi di distruzione di massa, di Saddam e l'11 settembre, o forse di un certo uranio proveniente dal Niger? pensate che questi esempi di relazioni pubbliche fossero volti ad informare, o ad influenzare?

In secondo luogo, gli "interessi del governo Usa", non sono affatto gli stessi interessi dell'americano medio. Terza cosa il concetto che solo le pubbliche relazioni siano rivolte ad un'audience domestico è semplicemente assurdo data la capacità delle informazioni di attraversare i confini. Questo documento lo ammette pure:

"Impatto del villaggio globale. La crescente capacità delle persone in gran parte del mondo di avere accesso a fonti internazionali rende il mirare a particolari audience più difficile. Oggi la distinzione tra audience estero e audience domestico diventa più una questione dello scopo del governo Usa piuttosto che delle pratiche di disseminazione delle informazioni:

Tanto il Dipartimento della difesa che gli ordini esecutivi limitano la possibilità che le PSYOP siano rivolte all'audience americano, al nostro personale militare, alle nostre agenzie stampa o case giornalistiche... Però, le informazioni rivolte ad un pubblico straniero, comprese la diplomazia pubblica e le PSYOP, vengono sempre più consumate dal nostro pubblico nazionale e viceversa... I messaggi di PSYOP disseminati a qualunque audience, tranne che a singoli decision-makers (e forse anche in questo caso), verranno spesso ripresi dai media a beneficio di un pubblico più vasto, compreso il pubblico americano
. " [grassetto aggiunto]- 26


Ecco qua, "la distinzione tra pubblico interno ed estero diventa più una questione che riguarda l’intento del governo Usa piuttosto che le pratiche di disseminazione delle informazioni". Perciò il pubblico americano è un obiettivo legittimo per tutte le forme di propaganda del governo Usa, che siano relazioni pubbliche, pubblica diplomazia o PSYOP. Ricordate, le PSYOP "usano mezzi diversi, inclusa la manipolazione psicologica e le minacce personali", tra le tante altre cose.

Bisognerebbe anche sottolineare che l'uso delle PSYOP sul pubblico americano è solo limitato [restricted] e non proibito[prohibited]. Come se l'inganno non fosse già abbastanza grande, le distinzioni tra le tattiche di relazioni pubbliche, pubblica diplomazia e PSYOP sono elaborate nell'Appendice C di Operation Roadmap. Proprio l'ultimo compito elencato per le PSYOP è: "quando serve, appoggiare le attività di relazioni pubbliche locali".

Vale proprio la pena di leggere la pagina dell'appendice C (pg 71). Alcuni altri punti includono:

Relazioni Pubbliche:
"Risposta rapida/squadre della verità [Truth Squads] e "Briefings Plus" "
"Spettacoli stradali umanitari"
"Giornalisti embedded"
"Prodotti tipo Combat Camera su eventi non accessibili ai media"

Diplomazia Pubblica:
"Contenuto di discorsi o commenti ed editoriali di funzionari anziani del DoD [Dipartimento della difesa] per pubblico straniero"
"Punti di discussione per scambi privati con leader stranieri"
"Aperta disseminazione della politica del governo Usa, ad esempio l’ Asia-Pacific Forum"

PSYOP:
"Prodotti mediatici di Radio/TV/Stampa/Web progettati per modificare direttamente il comportamento, e distribuiti in teatri in appoggio di sforzi militari in ambienti parzialmente permissivi o non permissivi"
"Quando serve, appoggiare le attività di relazioni pubbliche locali"
"Consulenti del Dipartimento della difesa per assistere forze amiche nello sviluppo di programmi di PSYOP"

Definizioni Mutevoli

Le definizioni sono un altro grande strumento se state cercando di ingannare. Come descritto sopra le definizioni e le distinzioni tra relazioni pubbliche, diplomazia pubblica e PSYOP sono lasciate intenzionalmente vaghe. Gli avvocati si guadagnano da vivere con questo genere di inganni e le loro impronte sono in ogni parte di questo documento.

"Le PSYOP dovrebbero focalizzarsi nell'appoggio agli sforzi militari (esercitazioni, dispiegamenti e operazioni) in ambienti non permissivi o semi-permissivi (cioè quando gli avversari sono parte dell'equazione).

Comunque, le forze e le potenzialità di PSYOP possono essere impiegate in appoggio della pubblica diplomazia Usa come parte di una linea guida approvata di cooperazione di sicurezza sullo scenario. In questo caso il personale e gli equipaggiamenti per PSYOP non stanno conducendo una missione di PSYOP, ma piuttosto stanno fornendo appoggio militare alla diplomazia pubblica
". [grassetto aggiunto]- 27


Capito? Se le forze e gli equipaggiamenti di PSYOP sono utilizzati in appoggio a sforzi militari si tratta di una missione PSYOP. Se le forze e gli equipaggiamenti di PSYOP sono utilizzati in appoggio della diplomazia pubblica si tratta di diplomazia pubblica.

Un Veloce Riassunto

Un'attenta lettura delle citazioni qui sopra rivela che le operazioni di disinformazione, in modo particolare le PSYOP, possono essere usate sia su un pubblico straniero che sul pubblico nazionale, in ambienti non-permissivi o semi-permissivi e su avversari e non avversari. Ci sono altri limiti?

Pace, Crisi e Guerra

"Il concetto di operazioni di disinformazione dovrebbe evidenziare operazioni ad ampio spettro che forniscano un potente contributo a operazioni su tutta la gamma degli interventi militari durante la pace, la crisi e la guerra" [grassetto aggiunto]- 7

"Preparazione in tempo di pace. Il concetto di operazioni di disinformazione del Dipartimento dovrebbe evidenziare che le operazioni informative a pieno spettro sono operazioni a tempo pieno che richiedono estesa preparazione in tempo di pace... Ben prima che la crisi si sviluppi, il campo di battaglia delle operazioni dovrebbe essere preparato tramite l'intelligence, la sorveglianza e la ricognizione, ed estese attività di pianificazione... Similmente, dovrebbe essere compiuto un considerevole sforzo per caratterizzare potenziali audience avversari, e in particolare decision-makers anziani e metodi e priorità del processo decisionale. Se una tale analisi dei fattori umani non viene condotta con ampio anticipo sul conflitto, non sarà possibile creare temi e messaggi di PSYOP che siano efficaci nel modificare il comportamento nemico" [grassetto aggiunto]- 8

"Una supervisione e una linea di azione chiara, non ambigua e lineare del Dipartimento della difesa che dia il potere ai Comandanti di Combattimento di eseguire operazioni di disinformazione a pieno spettro prima, durante e dopo le operazioni di combattimento." [grassetto aggiunto]- 20


Aree proibite

"Miglioramenti nelle potenzialità delle PSYOP sono necessari per generare rapidamente prodotti di qualità commerciale rivolti a specifici audience in aree proibite" . [grassetto aggiunto]- 26

"Proiettare attacchi elettronici in aree proibite tramite piattaforme fantasma" [grassetto aggiunto]- 62


Conclusioni

Il Pentagono definisce un qualche limite reale alla guerra informativa? Le operazioni di disinformazione possono essere usate su un pubblico nazionale e su un pubblico estero, in ambienti ostili o semi-ostili, su avversari e su non avversari, in tempo di pace, di crisi e di guerra, e in aree proibite. Dovremmo forse aspettarci qualcosa di meno? Ce lo hanno detto esplicitamente che il loro scopo era il dominio ad ampio spettro.

Titoli originali delle cinque parti: "Full Spectrum Information Warfare"; "Maximum Control of the Entire Electro-Magnetic Spectrum"; ""We Must Fight the Net""; "Information Warfare Using Aggressive Psychological Operations"; " Information Warfare Without Limits "

Fonte: http://www.knowledgedrivenrevolution.com
Link Parte I
Link Parte II
Link Parte III
Link Parte IV
Link Parte V
05.11.2007/03.12.2007

Fonte Italiana: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=4317


Nessun commento:

Posta un commento