mercoledì 30 gennaio 2008

Ebay Continua A Fare Passi Falsi

eBay… eBay… si salvi chi può !!!

Non voglio essere allarmista, non voglio passare per un “Nostradamus” dei giorni nostri, ma eBay sta colando a picco.

La dirigenza di eBay ha, in modo molto sommesso, annunciato il 7° compleanno della piattaforma italiana e il raggiungimento dei 5 milioni di utenti, ma stranamente dei risultati così eclatanti non sono stati promossi ai 4 venti nel loro plateale modo che serve sempre ad attirare attenzione e stampa.

Nessun raduno, nessun comunicato stampa se non una timida mail a tutti per il compleanno di eBay… chissà perchè ??

Ma se analizziamo un po’ più a fondo ciò che sta accadendo non è difficile fare delle piccole previsioni… peccato che i bookmaker inglesi non ci diano modo di scommettere, qualche soldino ce l’avrei puntato !!!

Analizziamo, allora, quello che i più non conoscono o forse non vedono, malgrado sia sotto i loro occhi tutti i giorni.

Partiamo dal “grandioso” risultato dei 5 milioni di utenti in Italia… intanto si usa in modo errato la parola Utenti al posto di Account che è ben diverso… Ma si sa che ognuno di noi ha più account per diversi motivi e c’è chi ne ha molti più di uno… c’è chi ne 10-15-20-26 o di più ancora (cosa se ne fanno? forse per aumentare il valore delle aste con falsi rilanci? nooo … non si può fare… il software di ebay se ne accorge e ti chiude l’account… fare ciò è praticamente impossibile… o quasi … ;)), e poi ci sono i truffatori o i taroccari, che aprono decine di account al giorno per frodare il prossimo, senza poi dimentacare la massa enorme di gente che si è registrata, ha fatto un giro e non ci è tornata più.

A spanne direi che se gli account attivi sono più di un milione sarebbe già un miracolo!!!

Ma andiamo avanti… la gestione italiana di eBay condotta da giovani laureati che hanno un unico scopo… il fatturato !! l’unico loro obiettivo è mostrare al quartier generale americano che loro sono in grado di raggiungere i target che l’America gli pone, è per far ciò serve che ci sia gente che compra ma sopratutto che vende dall’Italia e quindi, grazie ai loro scarsi e sopratutto illogici controlli, su eBay Italia prolificano prodotti falsi di tutti i tipi a discapito dei pochi venditori ufficiali che vengono tartassati e trattati come delinquenti e molto spesso banditi dalla piattaforma a vita senza nessuna possibilità di appello… e poi… appello a chi?

Se dall’Italia sono impegnati solo a far fatturato chi gestisce il centro assistenza e chi sopratutto decide sulla bontà o meno di un prodotto o di un utente? Sembra strano, ma questa parte vitale dell’Azienda è messa in mano ad una mandria di ragazzetti sottopagati che si trovano nelle sedi di Dublino e Berlino e che non si specano ad usare un po’ di logica per capire e fare azioni logiche mosse dal buon senso, e così basta che un “taroccaro” vuole togliersi di mezzo la concorrenza un venditore di merce originale, gli basta mandare qualche segnalazione dalle decine di account che lui ha (il truffatore o taroccaro non ha problemi ad aprire decine di account a nomi diversi) che il venditore serio si ritrova l’account chiuso a vita senza possibilità di replicare, anche perchè dall’altra parta si ritrova un ragazzetto sempre diverso che non fa altro che scegliere una mail predefinita tra il set di testi fornitogli senza neanche spender tempo a leggere cosa gli hai scritto, ed anche questo è sempre dimostrabile, ma neanche serve perchè se bazzichi eBay lo saprai anche tu.

Ma riflettiamo un attimo su questo punto e valutiamolo sulla base di strategie di marketing e di chi deve raggiungere dei fatturati: la maggior parte del fatturato, eBay lo fa grazie alla commissione sul valore finale dell’oggetto venduto. Non importa se un oggetto venduto sia vero o falso, la commissione per loro è la stessa; e dovendo scegliere tra un venditore ufficiale, che magari ha pochi oggetti, ma originali, e un taroccaro che vende migliaia di oggetti con decine di account diversi, che preferisce paypal (tanto vendendo il falso ha margini di guadagno spaventosi ) come pagamento e che genera migliaia di euro di commissioni mensili per ebay… chi va preferito? Indovinate un po’ chi viene preferito da chi deve solo dimostrare numeri e null’ altro?

Inoltre, questo problema si ripete su tutte le piattaforme d’Europa; ma nel frattempo il mondo si inizia a muovere e così abbiamo visto come il Governo Francese gli ha fatto causa e rischia di farli chiudere, come le grandi Maison di Moda hanno anche loro chiesto milioni di dollari di danni alle varie piattaforme internazionali perchè colpevoli di non aver fatto nulla per contrastare l’enorme giro di falsi che si possono trovare ogni giorno su eBay, e notizia di qualche giorno fa, anche la Polizia Postale di Torino è andata a chidere spiegazione al Direttore di eBay Italia, come mai sulla piattaforma fosse possibile acquistare una potentissima droga come la Salvia Divinorum (un’erba considerata il più potente allucinogeno esistente) addirittura a chili, in barba alla nostra legge che condanna non solo chi produce, ma anche chi procura agli altri, droghe in genere… e potremmo continuare per ore citando casi di truffe e raggiri.

Nel frattempo, il malcotento dei venditori e della comunità tutta si fa sempre più forte, basta leggere un po’ di forum e siti nati in giro per il mondo, per capire che sono sempre di più quelli che abbandonano la piattaforma o ne prendono le distanze continuandola a sfruttare nei limiti del possibile.

Ma le osservazioni su eBay non si limitano a questo… non dimentichiamo che eBay è una società quotata alla borsa americana (NASDAQ - Symb: ebay) e quindi chiunque, anche ognuno di noi, può acquistare delle azioni e quindi diventare proprietario di una piccola parte dell’azienda.

Ovviamente, come tutte le aziende quotate in borsa, quanto più l’azienda è solida tanto più le proprie azioni crescono di valore, di contro se l’azienda ha problemi le azioni perdono di valore cosi come lo perde l’azienda stessa.

Per verificare lo stato di salute di eBay basta fare una capatina su yahoo finance.


Qui per questioni di spazio il grafico non si vede bene ma sul link di prima di Yahoo è tutto molto più chiaro. Ad un’analisi molto semplice salta subito all’occhio come dal 2003 ai primi del 2005 eBay sia cresiuta in modo esponeziale tanto che le azioni che valevano nel 2003 intorno ai 19 dollari, i primi del 2005 ne valevano quasi 60… in pratica ha triplicato il proprio valore in meno di due anni… beato chi c’ha investito in quel periodo.

Ma cosa accade dal 2005 in poi? Il declino inesorabile che riporta le quotazioni delle azioni eBay da 60 a 24 dollari nell’agosto 2006 ( a proposito, chi si ricorda quando ebay moltiplicò il costo delle proprie commissioni? Agosto 2006 Vogliamo chiamarla coincidenza? )

La perdita di valore inzia a segnare il periodo di crisi tempestato da cause legali, abbandono di piazze dove speravano di entrare (giappone, ecc) incorporazioni sbagliate, e tanto altro. Crisi che ancora oggi non sembra terminare perchè da quell’Agosto 2006 ad oggi il valore delle azioni eBay è rimasto stazionario in un continuo saliscendi sempre all’interno di una fascia che va dai 25 ai 35 dollari (al momento in cui scrivo questo post è quotata sui 28 dollari).

Altra cosa strana che si può sempre notare dalle informazioni societarie è che eBay non ha mai staccato dividendi… tutti sanno che sei socio di una società e la società va bene i guadagni che si sono avuti a fine anno si dividono tra i soci e nel caso delle società per azioni, si dividono per azioni.

Ma se eBay andava cosi bene e faceva tanti utili come si legge spesso nei comunicati stampa pubblicati su ebay stessa, come mai i poveri soci non hai mai avuto neanche un cent?

Tutto sommato la situazione non la vedo tanto rosea per la nostra cara eBay… staremo a vedere.

E voi che ne pensate di tutto cio? investiamo i nostri risparmi in azioni eBay o forse meglio nella buona Coca Cola che non muore mai e piacerà sempre a tutti?

Destiny

Fonte: http://www.vitadablog.com/?p=156



>

Nessun commento:

Posta un commento